0

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

LEGGE 23 maggio 1995 n.70 (pubblicata il 1 giugno 1995)


RIFORMA DELLA LEGGE 1 MARZO 1983 N.27 CHE REGOLAMENTA LA RACCOLTA
INFORMATIZZATA DEI DATI PERSONALI
Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino
Promulghiamo e mandiamo a pubblicare la seguente legge approvata dal Consiglio Grande e
Generale nella seduta del 23 maggio 1995.
CAPO I
PRINCIPI GENERALI
Art. 1
(Campo di applicazione)
Ogni applicazione nel campo dell'informatica, che implichi la costituzione o l'uso in territorio
sammarinese di archivi magnetici o comunque automatizzati contenenti dati nominativi od in
qualunque modo riferiti a soggetti giuridici ben individuabili, da parte dello Stato, di Enti pubblici o
di persone fisiche o giuridiche, è soggetta alle prescrizioni della presente legge.
Art. 2
(Finalità)
Le applicazioni informatiche di cui all'articolo 1 hanno la funzione primaria di un servizio a
vantaggio di tutti i cittadini. Esse non debbono pertanto in alcun modo pregiudicare il rispetto dei
diritti dell'uomo e delle libertà individuali e pubbliche fondamentali, nè attentare alla dignità ed
identità della persona umana, la cui vita privata è inviolabile.
Art. 3
(Definizioni)
Ai fini dell'applicazione della presente legge i termini qui appresso indicati assumono i seguenti
significati:
a) dati nominativi o personali: tutte le informazioni relative a persone fisiche o giuridiche
individuate o comunque ben individuabili;
b) banche di dati o archivi magnetici: tutte le raccolte di informazioni registrate su appositi supporti
informatici;
c) terzi: qualunque persona diversa dal proprietario o dal gestore della banca dei dati.
Art. 4
(Garanzie)
Le persone fisiche o giuridiche sono tutelate contro l'utilizzazione abusiva di dati personali quando
tali dati:
a) vengano raccolti nell'ambito di applicazioni e programmi informatici;
b) vengano registrati su appositi supporti informatici;
c) siano oggetto di elaborazione e trattamento automatizzato;
d) siano oggetto, singolarmente o globalmente o sinteticamente, di smistamento, di valutazione o
trasmissione a soggetti privati o pubblici.
Salvi i casi espressamente previsti dalla legge nessun provvedimento giudiziario o amministrativo
che implichi un apprezzamento sul comportamento individuale dei cittadini può fondarsi
esclusivamente sul trattamento informatico di dati dai quali possa emergere un profilo della
personalità dell'interessato.
Ogni persona fisica o giuridica ha il diritto di conoscere e di contestare, per l'eventuale rettifica, i
dati e le informazioni raccolti, elaborati ed utilizzati nelle applicazioni informatiche, i cui risultati le
vengano apposti o la riguardino personalmente.
Qualsiasi ente o persona che proceda alla raccolta, all'elaborazione o all'uso di dati nominativi è
tenuto, oltre a rispettare il vincolo del segreto professionale, ad adottare ogni necessaria misura
precauzionale allo scopo di preservare la sicurezza e la riservatezza delle informazioni e, in
particolare, di evitare che le stesse possano essere deformate, manomesse o portate a conoscenza di
persone non autorizzate. La divulgazione degli stessi è ammessa su consenso dell'interessato o
qualora si tratti di dati provenienti da pubblici registri, da atti o documenti conoscibili da tutti.
Il trasferimento fuori territorio di dati riguardanti persone fisiche o giuridiche sammarinesi è
soggetto alla preventiva e motivata autorizzazione del Garante di cui all'articolo 15.
CAPO II
ISTITUZIONE ED UTILIZZAZIONE DI BANCHE DI DATI
Art. 5
(Banche dati dello Stato e degli Enti pubblici)
La raccolta, l'elaborazione e l'uso automatizzato di dati personali da parte dello Stato e degli Enti
pubblici sono consentiti solo in caso di istituzione, con specifico decreto reggenziale, di apposita
banca dati statale in territorio sammarinese, che verrà emanato previa acquisizione del parere del
Garante di cui all'articolo 15.
Art. 6
(Banche di dati private)
La raccolta, l'elaborazione e l'uso automatizzato di dati nominativi con le relative finalità, da parte
di persone fisiche o giuridiche private, sono subordinati alla preventiva autorizzazione del
Congresso di Stato e del Garante di cui all'articolo 15, che decidono in tale materia con delibere
motivate.
Le modalità procedurali attinenti la richiesta ed il rilascio delle singole autorizzazioni saranno
definite dal decreto reggenziale di cui all'articolo 5, il quale regolerà anche l'istituzione, presso la
Segreteria di Stato per gli Affari Interni, di uno speciale repertorio delle banche dati autorizzate.
Le organizzazioni politiche, sociali e culturali che intendono raccogliere, elaborare o usare dati
personali relativi ai propri associati ed attinenti le loro specifiche finalità con l'ausilio di banche dati
o archivi automatizzati non sottratti al controllo degli stessi associati, i cui dati non possono tuttavia
essere portati a conoscenza di terzi, debbono dare comunicazione al Garante di cui all'articolo 15
per presa d'atto e per l'iscrizione al repertorio di cui al comma che precede.
L'autorizzazione del Congresso di Stato e del Garante non è richiesta quando il trattamento:
a) riguarda dati detenuti in base ad un obbligo previsto dalla legge;
b) è necessario per l'esecuzione di obblighi derivanti da un contratto del quale è parte l'interessato;
c) riguarda dati provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque.
CAPO III
REGOLAMENTAZIONE DELLA RACCOLTA DI DATI
Art. 7
(Divieti)
La raccolta di dati eseguita con uso di mezzi fraudolenti, illeciti o sleali è vietata. E' altresì vietato
raccogliere, elaborare od usare dati, ove non espressamente consentito dai singoli interessati o dagli
statuti di singoli Enti o Associazioni, relativi ad opinioni o attività politiche, sindacali o religiose.
E' in ogni caso proibita la raccolta, l'elaborazione o l'uso di dati personali attinenti la sfera della vita
intima privata.
Art. 8
(Prescrizioni)
Chiunque venga interpellato per la raccolta di dati personali destinati ad applicazioni informatiche
deve essere reso edotto:
a) delle finalità perseguite dalla raccolta dei dati;
b) del carattere obbligatorio o facoltativo delle risposte;
c) delle conseguenze, nei propri confronti, dell'eventuale mancata risposta;
d) della destinazione delle informazioni raccolte, che può essere pubblica, riservata o estesa a terzi
ben individuati;
e) dell'esistenza del diritto, garantito per legge, di accesso e di rettifica dei dati raccolti.
Qualora la raccolta dei dati avvenisse con l'ausilio di questionari, questi ultimi dovranno indicare
espressamente le prescrizioni di cui sopra.
Tali prescrizioni non si applicano alla raccolta di dati ed informazioni eseguita nell'ambito
dell'accertamento di illeciti penali o amministrativi.
Art. 9
(Banche dei dati riservate)
Sono riservati allo Stato ed agli Enti pubblici competenti che ne detengono la proprietà esclusiva,
nell'ambito delle leggi e dei regolamenti in vigore e secondo le modalità fissate dal decreto
reggenziale di cui all'articolo 5, la raccolta e l'elaborazione di dati destinati:
a) alla tenuta ed all' aggiornamento degli schedari anagrafici ed elettorali dell'intera popolazione
residente e di tutti i cittadini sammarinesi residenti all'estero;
b) alla tenuta ed all'aggiornamento di casellario giudiziario;
c) alla tenuta ed all'aggiornamento di schedari attinenti le anagrafi sanitaria e tributaria della
popolazione.
CAPO IV
DIRITTO DI ACCESSO E DI RETTIFICA
Art. 10
(Accesso al repertorio nazionale)
Chiunque, sulla base di apposita richiesta in carta legale firmata e indirizzata al Garante, può
accertare se le banche dati iscritte nel repertorio di cui all'articolo 6 o quelle gestite dallo Stato e
dagli Enti pubblici hanno raccolto od elaborato dati nominativi che lo riguardino personalmente.
Art. 11
(Accesso alle banche dati)
Ciascuno può ottenere copia dei dati ed informazioni che lo riguardino personalmente alle seguenti
condizioni:
a) che la domanda, in carta legale, sia firmata dallo stesso titolare o dal suo legale rappresentante e
sia in ogni caso corredata dagli estremi di un documento d'identità personale in corso di validità;
b) che le informazioni raccolte non risultino protette per legge dal segreto assoluto.
Il diritto di accesso ad informazioni di carattere sanitario può essere esercitato soltanto per il tramite
di un medico dipendente o convenzionato con l'Istituto per la Sicurezza Sociale, il cui nome dovrà
essere indicato nella domanda; è in facoltà del medico comunicare al paziente tutte o solamente
parte delle informazioni.
L'accesso allo schedario elettorale è consentito in condizioni di piena parità a tutti i partiti politici
sotto il controllo della Commissione Elettorale, che può delegare tale compito al Capo dell'Ufficio
Elettorale.
Art. 12
(Diritto di rettifica)
Il titolare del diritto di accesso ha la facoltà di chiedere, mediante domanda su carta legale
indirizzata al Garante, che vengano rettificati, integrati, chiariti, aggiornati o eliminati dati ed
informazioni che lo riguardino personalmente e risultino inesatti, incompleti, equivoci, scaduti o la
cui raccolta, elaborazione, trasmissione o conservazione siano vietati.
Nella stessa domanda, l'interessato può chiedere il rilascio di una trascrizione dei dati rettificati, che
gli viene in tal caso trasmessa gratuitamente.
Qualora l'informazione errata fosse stata portata a conoscenza di terzi, la rettifica o l'annullamento
dovranno essere notificati anche a questi ultimi.
Art. 13
(Ulteriori accertamenti)
Chiunque abbia, nell'esercizio del diritto di accesso, serie ragioni di dubitare che i dati portati a sua
conoscenza non siano conformi a quelli raccolti ed elaborati, può trasmettere apposita segnalazione
scritta, su carta legale, al Garante.
Il Garante, che è tenuto a fornire una risposta entro sessanta giorni dal ricevimento della richiesta,
può esperire, se ritenuto necessario, opportune indagini amministrative o chiedere l'intervento della
Magistratura.
Art. 14
(Rettifica d'ufficio)
Un archivio nominativo deve essere rettificato, integrato o aggiornato d'ufficio quando l'Ente o la
persona che lo gestisce viene a conoscenza dell'inesattezza o incompletezza dei dati raccolti od
elaborati. Comunicazione dell'avvenuta rettifica, integrazione od aggiornamento di dati personali
deve essere data gratuitamente ai diretti interessati.
CAPO V
GARANTE PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI
Art. 15
(Garante per la tutela della riservatezza dei dati personali)
Un Magistrato del Tribunale Amministrativo indicato dal Dirigente pro-tempore assume la funzione
di Garante per la protezione dei dati di cui alla presente legge e alla Legge 23/05/1995 n.71
"Disciplina della raccolta dei dati statistici e delle competenze in materia informatica pubblica". Per
lo svolgimento della sua attività si avvale del supporto dell'apparato amministrativo della
Cancelleria del Tribunale e del Centro elaborazione Dati e Statistica dell'Ufficio Programmazione
Economica.
Gli atti di sua pertinenza, aventi effetti sull'attività della Pubblica Amministrazione e attività
connesse o convenzionate, sono notificati all'autorità politica e adottati per le vie gerarchiche
previste.
Avverso le deliberazioni del Garante è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo che procederà
evitando di affidarne il giudizio al giudice che espleta funzioni di Garante.
Il Garante è nominato per la durata di tre anni.
Art. 16
(Funzioni del Garante)
In particolare è competenza del Garante:
a) emettere parere obbligatorio circa le richieste di autorizzazione delle banche dati private;
b) accertare che le banche dati pubbliche e private si attengano scrupolosamente all'osservanza delle
norme di legge;
c) esaminare i reclami proposti da qualunque persona fisica o giuridica in merito all'applicazione
della presente legge ed in ogni caso in presenza della violazione della riservatezza dei dati personali
raccolti dallo Stato o da privati a fini informatici o statistici e decidere in prima istanza sugli stessi,
salvo il diritto di ricorso alla giurisdizione ordinaria od amministrativa nelle forme previste;
d) formulare parere obbligatorio circa decreti e regolamenti da emanarsi in applicazione della
presente legge anche con riferimento ai vincoli in materia derivanti dagli accordi e convenzioni
internazionali;
e) denunciare all'Autorità Giudiziaria tutte le infrazioni rilevate;
f) autorizzare l'accesso alle informazioni delle banche dati da parte di Enti, Uffici e persone che non
siano titolari del diritto di accesso;
g) esprimere parere vincolante per l'emanazione da parte dell'autorità informatica di cui alla Legge
23/05/1995 n.71 di norme regolamentari per la distribuzione di dati a terzi;
h) emanare regolamenti sui gradi di riservatezza dei dati personali di cui alla presente legge e sulla
protezione particolare da riservare ad alcuni di questi, riservatezza cui sono tenuti tutti coloro che
abbiano disponibilità dei dati per motivi istituzionali, gestionali o per concessione.
CAPO VI
DISPOSIZIONI PENALI
Art. 17
(Infrazioni e sanzioni penali)
Chiunque crea, gestisce o usa una banca di dati senza la prescritta autorizzazione preventiva di cui
all'articolo 6, primo comma, è punito con la multa a giorni.
Chiunque, durante la raccolta o l'elaborazione di dati personali, ne fà o ne consente un uso distorto
rispetto alle finalità stabilite dalla legge o dal decreto di cui all'articolo 5 o risultanti
dall'autorizzazione di cui all'articolo 6, primo comma, è punito con l'arresto o con la multa a giorni.
Chiunque si avvalga di mezzi fraudolenti per accedere alle informazioni riservate ai titolari del
diritto di accesso è punito con l'arresto di terzo grado o con la multa a giorni.
Chiunque ha raccolto o fatto raccogliere, registrato o fatto registrare, conservato o fatto conservare
dati personali in violazione delle disposizioni previste agli articoli 7, 8 e 9 è punito con la multa a
giorni.
I fatti di cui ai commi precedenti sono puniti con la prigionia di primo grado o con la multa a giorni
di terzo grado se sono stati commessi per procurare a se o ad altri un vantaggio ovvero per recare ad
altri un danno.
Chiunque ostacoli o impedisca senza giustificato motivo il diritto di accesso o di rettifica di cui agli
articoli 10, 11, 12, 13, è punito con la prigionia o con la multa a giorni di I grado.
Nei casi di cui ai commi precedenti il Giudice può altresì applicare l'interdizione di I grado a carico
dell'operatore addetto alla raccolta, all'elaborazione o all'uso dei dati.
Sono comunque fatte salve le piu' gravi pene previste per gli stessi fatti dal Codice Penale o da altre
leggi dello Stato.
Art. 18
(Sanzioni amministrative)
In caso di condanna per uno dei reati di cui all'articolo precedente il Congresso di Stato può
sospendere l'autorizzazione di cui all'articolo 6, primo comma, per un tempo massimo di tre mesi.
In caso di recidiva o di continuazione, la sospensione di cui al comma precedente deve essere
immediatamente disposta dal Congresso di Stato.
In caso di ulteriore recidiva il Congresso di Stato dispone senz'altro la revoca dell'autorizzazione.
CAPO VII
DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI
Art. 19
(Sanatoria)
I proprietari, gestori od utilizzatori di banche di dati che si trovino modificate le condizioni già
esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge, sono tenuti ad adeguarsi alle nuove
disposizioni della stessa entro un termine massimo di un anno.
Art. 20
(Correlazione con le precedenti normative)
La presente legge sostituisce la Legge n 27 del 1983 ed abroga ogni altra norma in contrasto.
Conservano integra la loro validità, per gli aspetti compatibili con le nuove norme, i Decreti
Reggenziali n 27 del 1984, n 67 del 1986 e n 140 del 1987, emanati in attuazione della legge
sostituita dalla presente.
Art. 21
(Entrata in vigore)
La presente legge entra in vigore il quinto giorno successivo a quello della sua legale pubblicazione.
Data dalla Nostra Residenza, addì 30 maggio 1995/1694 d.F.R.
I CAPITANI REGGENTI
Marino Bollini - Settimio Lonfernini
IL SEGRETARIO DI STATO
PER GLI AFFARI INTERNI
Antonio L. Volpinari